Canusìa a LI UCCI festival di Cutrofiano

Posted on

 

ARMONAUTI, CANUSÌA E TRAMAS
SONO I VINCITORI DELL’UCCIFOLKONTEST

Armonauti, Canusìa e Tramas sono i gruppi vincitori dell’Uccifolkontest! Gli Armonauti suoneranno al #nuovoMEI2015.
Il concorso, organizzato nell’ambito de Li Ucci Festival in collaborazione con Mei – Meeting degli Indipendenti e Scuola di musica popolare di Forlimpopoli, consentirà alle band di esibirsi sul palco dei tre importanti festival

ucci_folk_festival

Armonauti, Canusìa e Tramas sono i vincitori della prima edizione di UcciFolkontest, dedicato a esperienze italiane che si muovono nel folk e nella world music, organizzato nell’ambito de Li Ucci Festival in collaborazione con Mei – Meeting degli indipendenti di Faenza e Scuola di musica popolare di Forlimpopoli.

Dal 13 al 19 settembre tornerà a Cutrofiano, in provincia di Lecce, per la quinta edizione, il festival organizzato dall’associazione culturale Sud Ethnic con la direzione artistica di Antonio Melegari. Una settimana di convegni, workshop, mostre, estemporanee di pittura, presentazioni di libri, bike tour e concerti per ricordare i cantori dello storico gruppo salentino, custode delle tradizioni popolari degli “stornelli”, dei canti d’amore e di lavoro, spesso improvvisati al ritmo del tamburello.

La giuria composta da Marco Bartolini (Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli), Antonio Melegari (Direttore Artistico Li ucci festival), Giordano Sangiorgi (organizzatore Mei), Luigi Chiriatti (ricercatore e direttore artistico La Notte della Taranta), Pierpaolo Lala (giornalista e addetto stampa) e Domenico Sistilli (promoter musicale) ha scelto tra le 25 band iscritte e provenienti da Lecce, Bologna, Pavia, Bergamo, Cagliari, Napoli, Padova, Roma, Cesena, Bari, Palermo, Torino, Latina, La Spezia, Udine, Forlì-Cesena, Ravenna, Pordenone.

Gli Armonauti, progetto nato tra Bologna e Pordenone, è un trio che lavora sull’armonica a bocca non solo come “l’organetto a bocca” solista, ma creando una vera e propria “orchestrina” dove il basso, il solista, l’accompagnamento e talvolta anche le percussioni sono tutte eseguite da questo strumento. Seconda classificata la band laziale dei Canusìa, una formazione che lavora nel rispetto della tradizione ma grazie all’utilizzo della tecnologia come loop station, effetti riesce a dare un “sapore” originale ai propri brani. Vocalmente molto interessante, rispettosi della tradizione e delle linee melodiche di grandi artisti come Lucilla Galeazzi o Gabriella Ferri, ma anche con quel tocco di innovazione che non disturba, anzi fa da collante tra vecchio e nuovo. Questi due gruppi si esibiranno a Li Ucci Festival mentre per gli Armonauti ci sarà l’occasione di suonare anche al Mei di Faenza (dal 1 al 4 ottobre).

Il Premio Speciale Scuola di musica popolare di Forlimpopoli va al gruppo sardo Tramas che dimostra di aver saputo coniugare la innegabile tecnica di musicisti alla passione per la propria terra fondendo il tutto in un progetto musicale che richiama le radici proponendo, al tempo stesso, vie nuove ed originali per musica acustica italiana. La band si esibirà nel corso della ventunesima edizione del Festival di Musica Popolare di Forlimpopoli (23 – 27/29 agosto).

Tra i brani inediti la giuria ha premiato Mattia Ringozzi (miglior testo) e Folkestra (miglior arrangiamento) e ha voluto assegnare una menzione speciale ai giovanissimi Echì Ssemà.